POLIMETILMETACRILATO

FORATURA

La foratura viene eseguita con punte elicoidali dritte o coniche in acciaio rapido, superrapido.

TERMOFORMATURA

E’ una lavorazione da eseguire alla temperatura più idonea allo stampo ed all’oggetto da realizzare indicativamente fra i 130°C ed i 160°C per un tempo medio di circa 3/4 minuti per ogni millimetro di spessore.
Il comportamento del materiale a caldo è isotropo con un ritiro massimo del 10% in tutte le direzioni. La lastra, successivamente può essere rilavorata a caldo. La termoformatura può avvenire per semplice adagiamento sullo stampo, in questo modo si possono creare le forme desiderate. Si può, inoltre, lavorare con azioni di depressione sottovuoto o, al contrario, in pressione per insufficienza di aria: in questi casi lo “stiramento” meccanico della lastra può creare delle variazioni di spessore, che non dipendono dagli standard qualitativi della lastra origianale.
Il raffreddamento successivo alle lavorazioni di termoformatura va protratto finchè la lastra raggiunga gradualmente almeno i 60°C.
La termoformatura, non altera alcune proprietà originali (trasparenza, resistenza agli agenti atmosferici e ai raggi solari, caratteristiche meccaniche, caratteristiche superficiali), ma può produrre su determinati colori, delle avvariazioni di tonalità che dipendono dal colore, dalle temperature raggiunte e dal tempo di permanenza a quella temperatura.
Proprio per questi motivi, è necessaria una preliminare da parte dell’utilizzatore finale che deve valutare la possibilità di poter eseguire tale lavorazione. Proprio per questo motivo l’azienda fornitrice non può garantire la qualità e la costanza del risultato finale.


POLYMETHYL METHACRYLATE

DRILLING

Drilling is done with high speed steel straight or tapered twist drill bits.

THERMOFORMING

This is a process to be performed at the most suitable temperature for the mould and the object to be produced, at between approximately 130 °C and 160 °C for an average time of about 3/4 minutes for each millimetre of thickness.
The behaviour of the material when hot is isotropic with a maximum shrinkage of 10% in all directions. The sheet can be subsequently reworked while hot. Thermoforming may occur by simply placing the object on the mould. This method can create the desired shapes. It is also possible to work with negative pressure/vacuum effects or, on the contrary, under pressure due to insufficient air: in these cases the mechanical “stretching” of the sheet can create variations in thickness, which do not depend on the quality standards of the original sheet.
Cooling following thermoforming processes must continue until the sheet gradually reaches at least 60 °C.
Thermoforming does not alter certain original properties (transparency, resistance to weather and sunlight, mechanical characteristics, surface characteristics), but may produce shade variations for certain colours, depending on the colour, the temperatures reached and the time spent at that temperature.
Precisely for these reasons, the end user must perform a preliminary check and assess the possibility of being able to perform such processing. For this reason, the supplier cannot guarantee the quality and consistency of the final result.